lunedì 23 marzo 2015

Pino Rucher con l'orchestra Angelini

Pino Rucher con l'orchestra Angelini

Nel 1946 Pino Rucher entra nell’orchestra di Carlo Vitale, dopo aver vinto un concorso per una sola chitarra indetto da Radio Bari, superando decine di candidati provenienti da ogni parte d’Italia. Dopo lo scioglimento dell’orchestra, Rucher passa a Radio Milano, sotto la direzione del M° Carlo Zeme, e poi in due grandi orchestre della musica italiana di quel tempo, quelle dei Maestri Pippo Barzizza e Cinico Angelini. Sarà proprio quest’ultimo a volerlo stabilmente nella sua nuova formazione, con cui lavorerà alacremente partecipando a numerose trasmissioni radiofoniche e televisive e a diverse manifestazioni, come il “Festival di Sanremo”, il “Festival di Napoli”, il “Festival delle Rose”,  il “Festival Internazionale della Canzone di Venezia”, etc.

Orchestra Angelini. Il chitarrista Pino Rucher è il primo da sinistra.

Il M° Cinico Angelini con la sua orchestra e i cantanti Achille Togliani, Carla Boni e Gino Latilla negli studi di Radio Roma nel 1955

Il M° Cinico Angelini con la sua orchestra e i cantanti Achille Togliani, Carla Boni e Gino Latilla negli studi di Radio Roma nel 1955

Il M° Cinico Angelini con la sua orchestra e i cantanti Achille Togliani, Carla Boni e Gino Latilla negli studi di Radio Roma nel 1955

Il M° Cinico Angelini con la sua orchestra e i cantanti Achille Togliani, Carla Boni e Gino Latilla negli studi di Radio Roma nel 1955

Orchestra Angelini. Pino Rucher alla chitarra con il batterista Mario Maschio e il bassista Simonetti.

Cinico Angelini con i 13 solisti (1956). Il chitarrista Pino Rucher è sesto da sinistra.

Orchestra Angelini (1956). Il chitarrista Pino Rucher è quarto da destra in seconda fila.

Gino Latilla e il Duo Fasano durante un'esibizione sotto la direzione del M° Cinico Angelini nel 1959. Pino Rucher alla chitarra con l'orchestra Angelini.

Festival di Sanremo 1962 - Claudio Villa canta Addio...Addio. In basso a destra: il M° Cinico Angelini. In alto al centro: Pino Rucher alla chitarra e Pierino Munari alla batteria.

Nessun commento:

Posta un commento